giovedì 19 novembre 2009

YONA FRIEDMAN, Cartoline postali Galleria Massimo Minini,.fino al 9 gennaio A cura di Maurizio Bortolotti

Nella mostra alla Galleria Massimo Minini Yona Friedman presenta una grande installazione nello spazio principale, immagini-cartoline di Brescia e Venezia, alcuni filmati d'animazione e un plastico del Ponte della Libertà a Venezia.

YONA FRIEDMAN, Cartoline postali Galleria Massimo Minini,.fino al 9 gennaio A cura di Maurizio Bortolotti

La mostra alla Galleria Massimo Minini,  www.galleriaminini.it la prima in una galleria italiana del grande architetto Yona Friedman, ha come centro una riflessione sulla lettura architettonica dello spazio di due città italiane, Brescia e Venezia, accomunate da un legame sottile di appartenenza a un medesimo territorio, pur con specificità diverse.


Per mostrarti i risultati più pertinenti, abbiamo omesso alcune voci simili a quelle visualizzate.
Se vuoi, puoi ripetere la ricerca includendo tutti i risultati.



La riflessione di Yona Friedman parte dal suo concetto centrale di Ville Spatiale elaborato negli anni Cinquanta e, attraverso diverse varianti, giunge a un modello di Ville Spatiale non-geometrico, riproposto anche in galleria.

 

La sua concezione dell'architettura nasce dal fatto che essa deve poter essere realizzata dagli stessi abitanti e l'architetto può fornire loro solo alcune indicazioni per la loro realizzazione. In questo modo l'architettura, secondo Friedman, produce comunicazione ancora prima di produrre architettura come realizzazione di codici architettonici e, infine, di edifici. In questo senso, la sua concezione dell'architettura è tangenziale a quella dell'arte. Nel suo lavoro arte e architettura diventano un unico mezzo per costruire una dimensione della comunicazione tra le persone che va oltre ogni distinzione tra le due arti, creando un nuovo territorio al di là di ogni possibile specializzazione.

 

Cartoline postali sono immagini delle città di Venezia e Brescia dove Friedman è intervenuto con le sue architetture, declinate secondo l'idea centrale della Ville Spatiale. Esse offrono insieme una concezione dell'architettura e una visione in cui la vita quotidiana delle persone è inseparabile dalla rappresentazione estetica.

Il carattere sperimentale del lavoro di Friedman consiste proprio nel fatto di comprendere molti ambiti insieme: teoria (dalla biologia alla cibernetica, all'antropologia, alla psicologia e alle scienze umane in generale), arte, architettura, filmati d'animazione.



Questo ampliamento di orizzonti nasce dalla necessità di costruire una prospettiva più moderna, una visione della modernità. "Dopo la Seconda Guerra Mondiale - dice Friedman - non avevamo altra possibilità se non quella di costruire qualcosa di nuovo". Tuttavia, la sua idea di Modernità non è qualcosa di astratto, che impone agli abitanti della città moderna, ma un'idea che riutilizza l'esistente e tiene conto dei desideri dei suoi abitanti. Invece di creare edifici-icona come molti architetti contemporanei, la visione architettonica di Friedman si cala all'interno della vita quotidiana degli abitanti, tiene conto delle loro esigenze, offrendo gli strumenti per costruire delle micro-visioni individuali.



In questo la sua concezione è molto più vicina ai meccanismi che presiedono la vita delle città asiatiche contemporanee, determinando anche la grande attualità del suo lavoro nel panorama contemporaneo.

 


 

Allestimento della mostra a cura di Maria Pesavento e Gabriele Maria Gallo.

 

I film Points of View e The making of di Yona Friedman sono interpretati da Fabrice Luchini per ARTE TV. An Utopia city è scritto da Yona Friedman, diretto da Emmanuel Bellegarde e interpretato da Michael Lonsdale (Canal+ France).




Yona Friedman

Cartoline postali

FINO 9 gennaio 2010
a cura di Maurizio Bortolotti
allestimento di Maria Pesavento e Gabriele Maria Gallo


--
GALLERIA MASSIMO MININI
Via Apollonio 68
25128 Brescia - Italy

www.galleriaminini.it










__

risultati web per MININI ARTE

fino al 31.I.2010 - United Artists of Italy - Milano, Fondazione ...

ExibArt - ‎2 ore fa‎
... di Ugo Mulas) riscrivono un'originalissima storia dell'arte contemporanea. Perché, come scrive Massimo Minini: "Se il contemporaneo è un'attitudine, ...

fino al 23.XII.2009 Gabriele Picco Brescia, Massimo Minini

ExibArt - ‎14 ore fa‎
Allo stesso tempo, il testo per Picco è importante al punto che, in parallelo all'attività di artista visivo, svolge anche quella di scrittore (ha già ...

Luca Francesconi vincitore del premio Illy Present Future ad ...

Capitoloprimo.it - ‎14/nov/2009‎
Con queste motivazioni la giuria composta da Jens Hoffmann, Hans-Ulrich Obrist e Alexis Vaillant ha premiato l'artista: "Luca Francesconi ha creato in ...

ARTISSIMA 16, IL BELLO DELLA FIERA D'ARTE

TK - ‎11/nov/2009‎
Ecco quindi che, tra quelli che non hanno bisogno di introduzione, Massimo Minini presenta se stesso presentando i "suoi" artisti (scoperti, incontrati, ...

Da Torino: per Rivoli e GAM le acquisizioni ad Artissima della ...

ExibArt - ‎07/nov/2009‎
... Simon Starling, Galleria Franco Noero, Torino, Simon Dybbroe Møller, Galleria Francesca Minini, Milano, Masbedo, Galleria Noire Contemporary Art, ...

Diogene bivaccourbano - Rotonda fluttuante

ExibArt - ‎06/nov/2009‎
Ha recentemente curato la mostra Jona Friedman - cartoline postali alla Galleria Massimo Minini (Brescia); tra le altre cose sta lavorando al progetto ...

Artissima da stupore Ecco il nuovo che avanza

La Stampa - ‎05/nov/2009‎
... dal «Magazzino d'Arte Moderna » di Roma a «Lia Rumma» con sedi a Milano e Napoli, e poi «Sprovieri» di Londra, «Massimo Minini» di Brescia, ...

Fantastica Artissima

ExibArt - ‎05/nov/2009‎
Ma sono tantissimi gli eventi paralleli che anima la città in questo fine settimana, rendendo Torino un centro d'arte internazionale. ...

Arte e fotografie: le mostre

L'Eco di Bergamo - ‎29/ott/2009‎
... nata dall'inedita collaborazione fra il museo loverese ei tre galleristi d'arte contemporanea originari della zona Claudia Gian Ferrari, Massimo Minini ...


--
da Francesco Bonazzi -Vr-